VERSO TRINCOMALEE attraverso una zona della guerra civile con i tamil. 19 luglio 2004. Sri Lanka 36, luoghi 5 – quando si poteva viaggiare. 104

Marta 19 luglio 2004

abbiamo cosi attraversato la zona della guerriglia tamil, ormai finita da due anni, tranquilli, tra strade dissestate in maniera incredibile e case distrutte, in una natura possente e incontaminata che grida la sua forza.

. . .

ed ecco la descrizione delle riprese, dal catalogo 2004-05:

nastroseq.pos.durataannomeseg.statolocalitàtema
628-180.012004.07.19SRI LAsul pullmanstudenti
629-170.032004.07.19SRI LAaccesa per sbagliostudenti

. . .

prima versione del video, 5 giugno 2011: – la prima parte

. . .

DA MIHINTALE A TRINCOMALEE, ATTRAVERSANDO LE TERRE DELLA GUERRIGLIA TAMIL. MY SRI LANKA 2004.8 – 5 giugno 2011 – 5 giugno 2011

è bastato accennare nel titolo del video che nel viaggio da Mihintale a Trincomalee ho attraversato la zona della guerriglia tamil (senza aggiungere che sono stato condotto dai miei ospiti a visitare le rovine di case distrutte – in un momento in cui purtroppo non avevo più la batteria della videocamera carica) per scatenare nei commenti a You Tube la ripetizione dell’esperienza fatta già nel momento in cui, quasi al mio arrivo su questo sito, avevo postato due video di solidarietà con la protesta dei tamil in Germania e in Europa contro il genocidio che li ha colpiti nel 2009, quando la guerriglia è stata sgominata a prezzo di circa 20.000 vittime civili, per le quali nessun Occidente si è mosso e nemmeno sdegnato.

* * *

ma ecco quest’ultimo dialogo, tradotto come ho potuto capire, dall’inglese del mio interlocutore, altrettanto approssimativo del mio.

deadleader1
per favore, qui non chiamarla terra dei tamil!

bortocal
perché no? in questo viaggio ho visto con i miei occhi le conseguenze della guerra civile contro i tamil in questa terra e ne ho parlato con la gente che ho incontrato.
e diversa gente in Sri Lanka è tamil, oppure no?

deadleader1
quest’isola appartiene ai singalesi!…
nessuno ha condotto una guerra civile o di altro tipo contro i tamil…
la guerra era contro terroristi e separatisti!
voi stranieri non ne avete idea!
come mai i tamil sono venuti a fare affari a Colombo sempre durante la guerra, se questa guerra era contro i tamil!
la terra dei tamil è il Tamil Nadu in India!
condividano l’isola oppure crepino sventolando bandiera bianca!
la maggioranza vince, lo Sri Lanka vince, i terroristi in fuga!

bortocal
conosco i tuoi argomenti molto bene.
questo è puro razzismo: ogni terra è del popolo che ci vive, ogni popolo vive sulla sua propria terra, e nessuna terra è solo della maggioranza.
tu devi studiare quel che è successo in Südtirol – Alto Adige nel nord Italia con la nostra minoranza tedesca!
il tuo modo di pensare è arretrato e reazionario, se non semplicemente fascista.
mi dispiace, ma devo dirtelo.
your thinking is backward and reactionary, if not simply fascist. I am sorry, but I must tell You that.

deadleader1
è razzismo contro i terroristi!…
lo Sri Lanka è lo Sri Lanka, lo Sri Lanka non è il nord Italia, … questa è Asia…
io mi meraviglio che gli europei pensino di sapere il meglio!
quando la minoranza tedesca ha massacrato con bombe sui bus la maggioranza italiana?
se i singalesi e i musulmani possono condividere il sud dell’isola, perché i tamil non possono condividere questa terra con noi?
la maggioranza vince sempre (maggioranza = tamil + musulmani + singalesi).
scusa, niente più bombe sugli autobus, perché?

bortocal
negli anni Sessanta la minoranza tedesca in nord Italia usò le bombe (contro i treni, non negli autobus; ma non avemmo vittime), ma il governo con buone concessioni fermò la guerra civile potenziale.
questa soluzione è studiata in tutto il mondo, per esempio dal popolo palestinese.
in Europa amiamo i diritti civili per tutti, e io penso che sia la soluzione migliore, ma Gandhi era indiano e fu un grande maestro dei diritti umani.
ora posso apprezzare quel che scrivi: tutti i popoli devono vivere assieme nello stesso territorio se sono nati lì; ho visto nel sud dello Sri Lanka a Galle, e anche a Trincomalee, tamil e musulmani o buddisti vivere in pace assieme, e questo era meraviglioso.

deadleader1
grazie, fratello.
la pace vince!
condividere è l’unica strada per andare avanti!!

– e per una volta un duro scontro sulla rete si conclude con una riappacificazione.

ma sono i miracoli dello Sri Lanka, questi!

. . .

MY SRI LANKA 2004. 9. TRINCOMALEE. 26 giugno 2011

nel video […] si descrive il viaggio da Mihintale a Trincomalee sul pullmino privato di un gruppo di studenti di Fisica dell’Università di Mihintale […].

. . .

nuova versione del video, 28 dicembre 2019:

. . .

verso Trincomalee attraverso una zona della guerra civile con i tamil. 19 luglio 2004 – Sri Lanka 2004-2005 27 – 28 dicembre 2019

sempre dalla solita mail mandata a casa in quei giorni.

ma, prima che qualcuno apra il breve video e resti deluso, meglio specificare che di quanto detto qui sopra si vede ben poco: non ci siamo fermati, col piccolo pulmino, lungo il percorso, e del resto, a vedere che?

non basta l’immagine fugace nel video di una distesa incenerita e distrutta dalla guerra per rendere l’idea del dramma che questi luoghi hanno vissuto?

aggiungete che la cinepresa era rimasta accesa per sbaglio per un periodo non breve, e che quando siamo arrivati a punti interessanti, i miei ospiti studenti universitari, sul pulmino, ed io, la batteria era ormai irrimediabilmente scarica.

ma aggiungo adesso una lunga coda prendendola dal post del 2011.

. . .

e qui in fondo aggiungo le considerazioni scombinate che avevo scritto ieri, 20 luglio 2021, a mera dimostrazione di come il tempo logora la memoria, confonde i ricordi e rende totalmente inattendibile ogni testimonianza resa a distanza.

soltanto il titolo di questo primo video, From Mihintale to Trincomalee through the Tamil country, Da Mihintale a Trincomalee attraverso la terra dei Tamil, però, accenna ad una dimensione dolorosa di questo passaggio dall’interno dell’isola verso la sua costa orientale e mi sembra assurdo non averne parlato mai (forse se ne troverà traccia in qualche altra parte dei racconti che ora non ricordo): certamente non ne ho parlato, scrivendo a casa, per non preoccupare i miei familiari, che avevano visto come pericoloso questo mio viaggio, proprio per questo.

del resto sono immagini che sono rimaste stampate soltanto nella mia memoria, non vi furono riprese.

traversammo, su quel pullmino privato, anche una zona devastata dalla guerra civile contro i tamil, ancora in corso.

i ragazzi ne parlavano con dolore, conducendomi a vedere le rovine incendiate di alcuni edifici e chiedevano con una specie di sofferenza autentica come fosse possibile tanta ferocia.

non erano certamente tamil, loro, ma buddisti osservanti. ed io stavo per arrivare ad una città, Trincomalee, dove tuttavia tamil induisti e singalesi buddisti convivevano in apparenza senza problemi.

ma la durezza del conflitto ancora in corso era ben testimoniata da una accanita discussione avvenuta in quei giorni con un commentatore del mio primo video, molto duro all’inizio contro i tamil.

purtroppo il canale Youtube conserva soltanto le mie risposte:

ma come si vede, arrivammo ad una conciliazione di idee, in modo perfino sorprendente, se non avesse sempre a che fare con la straordinaria tolleranza e disponibilità singalese….

3 risposte a "VERSO TRINCOMALEE attraverso una zona della guerra civile con i tamil. 19 luglio 2004. Sri Lanka 36, luoghi 5 – quando si poteva viaggiare. 104"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...