la montagna di Hang Mua, vicino a Ninh Binh, Vietnam; ritorno al giardino – videoclip nn. 227 e 228.

il vero e proprio spettacolo e` pero` la salita, che la Lonely Planet presenta con molta diffidenza: sono 450 scalini, ricorda, tutti pieni di cacche di capre (confermo), la vista non ha niente di speciale (ma e` scemo?), portate dell’acqua con voi; ma perche`? tanto ha cominciato a piovere di brutto e non fa per niente caldo; e in cima ci sta la statua della Pieta`, insinua con tipica tecnica di manipolazione dell’opinione: pieta` per chi si e` fatto i 450 scalini che salgono a zigzag?

pieta` piuttosto per il vostro giramondo che, quando torna indietro, a 50 metri di altezza circa all’approdo finale, si trova la scalinata chiusa da un cancello e si fa prendere dal dubbio di avere infilato una discesa sbagliata; ma poi, no, ci sono dei lunghi serpenti scolpiti con la testa di drago che fanno da scorrimano, sono passato proprio di qui.

al terzo tentativo, con relativa discesa e risalita esplorativa, si scopre che e` stato il vento freddo di accompagno alla pioggia che ha smosso quella specie di cancello col reticolato, facendolo sembrare chiuso, quando e` soltanto accostato.

LE ULTIME PERIPEZIE A NINH BINH, VIETNAM, E LA SINDROME DI POLLYANNA – MY ROUNDTHEWORLD N. 46 – 521.

il primo dei video di oggi non documenta nulla, ovviamente, dei piccoli contrattempi finali, ma soltanto la lunga salita, che pur essendo forse soltanto di un paio di centinaia di metri di dislivello, da` tutte le emozioni di una ferrata d’alta montagna.

passo dopo passo, per una scalinata a zigzag che sembra non finire mai, e credo che vi lascera` davvero estasiati dalle vedute progressivamente piu` vaste ed aperte che vengono via via conquistate.

lo sguardo si allarga da una parte sulla vasta pianura costellata di pinnacoli rocciosi diversi, dall’altra su una stretta valle scavata dal fiume in assoluta solitudine.

DSC02067

e` un paesaggio decisamente emozionante a cui neppure la pioggia ne` la grigia foschia riescono a togliere fascino; la fatica della salita di me mezzo malato non solo e` ampiamente ripagata, ma diventa anche parte stessa dell’entusiasmo di questa conquista.

. . .

il secondo video e` breve e quasi di passaggio: qualche nuova immagine del suggestivo parco di Hang Mua, riattraversato ora per uscire dal sito.

Advertisements

2 thoughts on “la montagna di Hang Mua, vicino a Ninh Binh, Vietnam; ritorno al giardino – videoclip nn. 227 e 228.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s